Chiesa Santa Maria La Nova

Immagine pagina

Costruita verso la metà dell’ottocento è una chiesa a tre navate che sorge dove già esisteva un altro luogo di preghiera. Ha subito due incendi, il primo nel 1882 ed il secondo nel 1957.

Al suo interno è riprodotta la grotta della Madonna di Lourdes voluta per voto del dott. Egidio Delliponti, miracolato dopo un pellegrinaggio presso quella originale. Dal 1947 è stata proclamata Santuario Mariano. La grotta è meta di pellegrinaggi e l’11 febbraio di ogni anno si festeggia la ricorrenza.

All’interno della Chiesa sono custodite delle statue in cartapesta realizzate dai maggiori maestri della cartapesta leccese: una statua di Santa Lucia di L. Guachi,fondatore dell’unico stabilimento industriale; le statue dei SS. Cosma e Damiano di S. Sacquegna, fornitore Pontificio, una statua di San Giuseppe dal panneggio morbido e avvolgente del Cav. Raffaele Caretta e una statua di Sant’Antonio e Santa Rita della ditta Gallucci e figli. Il Campanile risale al 1980, grazie all’opera del compianto parroco don Franco Limongelli e di altri volenterosi cittadini. La Chiesa è stata oggetto, nell’anno 2005, grazie anche all’impegno del parroco don Franco Damasi , di un accurato restauro che l’ha riportata agli antichi splendori.